LE NEWS

Un altro importante traguardo è stato raggiunto!


Carissimi amici,

un nuovo e importante traguardo è stato raggiunto! Tra pochi giorni quelli che tra i miei romanzi  erano disponibili solo come ebook saranno reperibili in VERSIONE CARTACEA, CON DISPONIBILITA’ IMMEDIATA e, cosa che non guasta, A PREZZI CONTENUTI. Saranno reperibili (ripeto in versione cartacea) negli store Amazon dell’intero territorio nazionale e in quelli di tutto il mondo. Sarà possibile ordinarli direttamente, come nel sito di qualsiasi libreria, oppure scegliere il punto di ritiro per voi più comodo (tra cui anche i numerosi Giunti al Punto).

Con questa grande operazione di diffusione riuscirò a esaudire il desiderio che avevo da tanto tempo e che mi è stato rappresentato da molti di voi, dall’ Italia e dall’estero. Infatti c’è chi ha il desiderio di sfogliare un libro, sentirne la consistenza, perfino annusarne l’odore di carta prima di immergersi nella storia che scoprirà. Del resto il contatto fisico con il libro è stato sempre molto importante anche per me!

Quindi restate collegati, perchè nei prossimi giorni vi informerò più dettagliatamente circa il susseguirsi delle uscite. Vi ringrazio come sempre per l’attenzione che mi dedicate e l’affetto con cui seguite la mia attività letteraria.

A presto amici miei!

Daniela

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci
Standard
Interviste

Un’intervista con i fiocchi a Veledicarta!


                                         Daniela Alibrandi

Salve, io amo considerare la scrittura il mio rifugio, il mio tutto. Proprio per questo ho preso una decisione coraggiosa e importante, non riuscendo più a conciliare gli impegni professionali con il mio mondo interiore di sentimento e ispirazioni. Mi dedico solo alla mia grande passione, la scrittura. Di seguito vi parlo un po’ della mia vita e della mia attività letteraria.
Sono nata a Roma e ho trascorso l’adolescenza negli Stati Uniti. In campo professionale mi sono occupata, tra l’altro, di Relazioni Internazionali nell’ambito dell’Unione Europea e del Consiglio d’Europa. Nella vita privata sono sposata e con due figli. Da sempre incline alla scrittura, ho partecipato a importanti premi letterari nazionali, vincendone alcuni. Tra questi Il Volo di Pègaso, La Città e Il Mare, il Memorial Miriam Sermoneta e Mani in Volo. Sono rientrata inoltre tra i finalisti del concorso nazionale La Memoria. Con “Nessun Segno sulla Neve”, libro inserito in due collane editoriali e scelto dal Comune di Roma per un evento culturale dell’Estate Romana, ho vinto il prestigioso Premio letterario Circe 2013. Nel 2012. con il romanzo “Un’Ombra Sul Fiume Merrimack”, sono rientrata tra i vincitori del premio internazionale Novel Writing Month ed è stato inoltre pubblicato il mio thriller “Il Bimbo di Rachele”. Con il thriller “La Fontana delle Rane” mi sono aggiudicata il premio letterario nazionale Perseide 2014. Nel mese di marzo 2016 ho pubblicato il libro “Una morte sola non basta”, Del Vecchio Editore, che è stato definito dalla critica “un grande romanzo neorealista”. La mia produzione letteraria comprende inoltre molti racconti brevi, pubblicati nella raccolta “I Doni della mente”.Le mie opere, tre delle quali sono già state tradotte nelle edizioni inglesi di “A Shadow On Merrimack River”, “No Steps On The Snow” e “Echoes of the Soul” sono in catalogo presso l’Italian & European Bookshop di Londra.
Il mio sito https://danielaalibrandi.wordpress.com/category/interviste/
La mia pagina FB Autore https://www.facebook.com/Daniela-Alibrandi-Autore-108488582556510/?fref=ts

1. Cosa ti ha spinto a scrivere?
Credo che una passione così forte non possa che nascere insieme all’autore. Io ho sempre sentito dentro di me la “spinta” verso la scrittura.

2. Qual è stata la reazione dei tuoi conoscenti?
Per chi mi conosceva bene è stata la conferma di quello che immaginavano da sempre. A tutti era capitato di leggere anche solo poche delle mie righe, buttate giù sui banchi di scuola, oppure in una pausa di lavoro, dovunque mi era possibile fermarmi ad ascoltare me stessa. Spesso mi esortavano a scrivere qualcosa di più.

3. Qual è stata la reazione dei tuoi familiari?
Il mio primo libro è stato letto in famiglia ed è stato valutato positivamente. E siccome la mia vita era concitata, tra lavoro, figli, marito, casa, etc…, debbo riconoscere di essere stata da subito incoraggiata e aiutata a ritagliare degli spazi maggiori da dedicare alla mia passione.

4. Ci sono scrittori disciplinati, metodici, che stilano scalette e rimettono le mani mille volte sui loro lavori; e altri che scrivono d’istinto frase dopo frase fino a comporre un romanzo. Tu che tipo di scrittore sei?
Appartengo senz’altro al secondo tipo. Io immagino le prime frasi che costituiranno l’incipit del mio libro e da lì in poi scrivo frase dopo frase, facendomi guidare dai miei stessi personaggi, finché il romanzo non è finito. E non metto mai limiti a ciò che sento di scrivere.

5. Ci sono luoghi o ambienti in cui riesci a farlo meglio?
Mentre l’ispirazione, quella carezza nell’anima come la definisco io, mi può raggiungere in qualsiasi momento o luogo, io riesco a isolarmi e a tradurre le emozioni in uno scritto solo nel mio studio, otto metri quadrati in un attico  dalle cui finestre vedo il mare.

6. Lavori tutti i giorni?
Sì, assolutamente.

7. Credi di riuscire a giudicare il tuo lavoro quando è terminato?
No, non ho la pretesa di poter giudicare il mio lavoro. Io lo amo, amo i personaggi che hanno vissuto insieme a me per mesi, che sono stati parte di me stessa e, sempre, quando termino la scrittura di un libro, provo una grande tristezza perché quell’avventura termina. Ma solo chi legge può giudicare ciò che ho scritto.

8. Quando hai scritto il tuo primo libro?
Quando un infortunio mi ha tenuta a letto per circa due mesi nei quali riuscivo a muovere solo la mano sinistra. E ho iniziato “Nessun segno sulla neve”. Il libro è stato poi definito dai critici “Quello scritto con la mano sinistra, la mano del cuore”.

9. Esiste un legame tra te e i personaggi dei tuoi libri o sono solo frutto della tua immaginazione?
I miei personaggi sono frutto della mia immaginazione, ma sono anche il risultato del fenomenale intreccio di ricordi, esperienze, sogni e desideri. Io vivo la storia tramite loro, con i quali intreccio una sorta di legame indissolubile, che mi porterà a racchiuderli per sempre nell’animo.

10. Qual è il tuo libro a cui ti senti più legata e perché?
Non posso dire di sentirmi più legata a un libro in particolare, ognuno ha la sua specificità e tutti sono nati in me nello stesso modo. Forse “Nessun segno sulla neve” è quello che, come un primo figlio, mi ha fatto vivere le prime grandi emozioni ed è quello a cui ho affidato il racconto di un periodo storico, il ’68 romano, che ha avuto una grande importanza nella storia italiana contemporanea.

11. Il tuo ultimo lavoro?
Si tratta di un romanzo di 416 pagine, che tratta lo spinoso argomento della violenza perpetrata sui minori. “Una morte sola non basta”, Del Vecchio Editore, uscito a marzo del 2016, segue la vita di due bambine nate nella Roma degli anni ’50 che hanno subito situazioni scabrose. La narrazione conduce fino a quando, negli anni ’70, le due ragazze si incontrano e, nel coinvolgente sentimento di amicizia che si instaura tra loro, ognuna cercherà il proprio riscatto. Fa da cornice la città eterna, fotografata nella semplicità degli anni Cinquanta, nei sogni del boom economico degli anni Sessanta, per finire nelle contraddizioni degli anni Settanta.

12. Ci consigli un libro che non hai scritto tu?
“Per mano mia”, uno dei libri di Maurizio De Giovanni, al momento lo scrittore italiano che preferisco.

13. Il tuo prossimo lavoro o quello su cui stai già lavorando?
Il mio genere preferito è il thriller psicologico, anche se ho terminato alcuni lavori di semplice narrativa. Al momento mi sto dedicando a un nuovo, coinvolgente thriller psicologico ambientato nella mia amata Roma, durante gli anni immediatamente precedenti all’utilizzo dei computer… ma di più non posso dire!

 

Standard

Le immagini che scorrono sono relative a eventi importanti e significativi che hanno accompagnato l’uscita dei miei libri, alcuni eventi di presentazioni nei quali ho avuto l’onore di essere attorniata dai miei affezionati lettori, tra cui l’attore Avio Focolari, che spesso ha recitato alcuni brani dei miei romanzi.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

I MIEI LIBRI, LE NEWS

E che sia un nuovo anno colmo di sentimenti profondi e magnifiche letture…Buon Anno amici miei!

Galleria
LE NEWS, Le Recensioni, Una morte sola non basta

Daniela Alibrandi | Una morte sola non basta — Il giro del mondo attraverso i libri


Periodo storico, titolo, intreccio e ambientazione sono quattro elementi che mi hanno intrigata quando l’Autrice mi ha scritto per propormi la lettura del suo ultimo romanzo. “Una morte sola non basta” di Daniela Alibrandi (Del Vecchio editore, 406 pagine, 19 €) è un libro molto corposo e coinvolgente, che attraversa un ventennio di storia italiana, […]

via Daniela Alibrandi | Una morte sola non basta — Il giro del mondo attraverso i libri

Standard
A SHADOW ON MERRIMACK RIVER (Un'ombra sul fiume Merrimack)

A SHADOW ON MERRIMACK RIVER – The Book and the reviews


516ebff-19l-_sy346_

THE BOOK:

A year in the United States, a fantastic opportunity to forget the events of the past. Then Diana will return to Rome, but if life in the United States will be a positive experience, she will be able to return. And Diana strongly hopes she will come back. In an evening of early spring, however, while with her friend Jenny, an obese girl, she is enjoying to skate on the Merrimack River still frozen, she doesn’t realize she has reached a point where the ice is breaking. In the fierce struggle that she engages with the force of the river waters, that with the beginning of the thaw are moving, Diana understands the plate is too thin, and may not hold up. And below, after hearing a thud, Diana realizes that glides silently a human body, a corpse from which she could be sucked into the river deepness. It’s the beginning of a nightmare in which Diana will live during the months that remain until her departure from what she had considered a quiet and peaceful little town. Until the solution of the mystery, which will take place with a stunning end.
The events take place in a small town in the Northeast of the United States in 1965-66, when America was in the midst of the conflict with Vietnam. Many descriptions of the places related to the nature and landscapes as well as to the complexity of American society. There is no lack of historical references.

The book is in catalogue at the Italian & European Bookshop in London.

Where to find it:

In the following link, where you can read the preview, and on Amazon stores all world wide.

THE REVIEWS:

By IT’S RAINING BOOKS:

This thriller set in New Hampshire in the 1960s looks at one girl, her family, and the shadows of her life that are revealed. The author has done a wonderful job at portraying American life as seen through the eyes of a visitor to this country and the mystery behind the shadow on the Merrimack River is one that’s not easily solved by the reader.

The phrasing was a little hard to understand at times–it’s translated into English from Italian, and obviously by someone whose first language is not English. I would suggest that the author look for a translator who is American and is fluent in Italian for her next book, rather than an Italian who is fluent in English. I believe that would help with the ease of reading.

This issue did not reflect on my enjoyment of the book, however, and I look forward to the next book Ms. Alibrandi has for us.

By DANIELLE JOHNS:

This book was a bit of a challenge at times {being translated from Italian}some phrases took me a bit to decipher. This did not take away from the main story. It is a tale of being treated as an outcast because of coming from another country, the way some shy away from people that are different. You become very connected to the character because of her treatment. The journey of finding a body within the water, adds the mystery. The building suspense and great character development leads to an unexpected ending.

By ALLISON WHITMORE:

It has a great storyline and all the ingredients of a page-turning thriller with the suspense building chapter by chapter and then a totally unexpected surprise ending. I liked how we knew what the main character was thinking and feeling throughout and I had empathy for her. I also admired her courage in seeking out the truth even at risk to herself although I was scared for what might happen to her.
The translation could be a little smoother but that did not take away from understanding and enjoying the plot and character development. I didn’t want to put it down until I finished it! And now I’d like to read more!

THE HUMAN STORY LINKED TO THIS BOOK:

The thriller is set in Manchester, New Hampshire. Brown Avenue, Goffs’ Falls, St. Francis Church and the school…here the characters move in an involving plot that takes to an umpredictable and stunning end.The place is where I lived during my adolescence. When my American friends read the book, they got in touch with me and told me that the whole area had been demolished to enlarge the airport area. I was so sorry when I came to know that those roads and buildings had all been demolished! But my friends where happy to have walked once again in those beloved places. After many years, thanks to the book, I met my friends again and that was the longest hug in history!

 

 

 

Standard